Datemi a piene mani e rose e gigli...

Il giorno 15 Ottobre 2010 a Firenze si è svolta la prima edizione del "Ballo del Giglio".

Il Sindaco di Firenze - Matteo Renzi - ha messo a disposizione per questo evento di beneficenza il “Salone dei Cinquecento” di Palazzo Vecchio, concedendo il patrocinio del Comune di Firenze.
Sono state invitate 250 selezionatissime personalità ed eccellenze delle attività economiche, della cultura, dell’arte e delle istituzioni non solo fiorentine.

La tenuta richiesta agli invitati era “robe du soir, cravate noire”.

L’evento si è svolto sotto l’Alto Patronato di S.A.R. la Principessa Carolina di Hannover che sarà presente alla serata.
Il costo dell’evento è stato coperto da sponsorizzazioni di aziende e istituzioni economiche importanti che, con il loro prezioso contributo, hanno consentito di aiutare i bambini meno fortunati e l’arte in un contesto di tradizione esclusiva.

Durante la serata sono stati venduti biglietti per un'estrazione finale di premi offerti dagli sponsor. Un premio è stato l'esemplare n.1 di una Penna Stilografica Visconti prodotta nella serie limitata di 60 esemplari appositamente per il "Ballo del Giglio", con la quale S.A.R. la Principessa Carolina di Hannover ha firmato il libro degli ospiti di Palazzo Vecchio.

Beneficenza

Il ricavato della vendita dei biglietti d'invito è stato interamente destinato a formare un fondo di beneficenza del quale:

- il 50% è stato devoluto all?Associazione AMADE ITALIA, (Associazione Mondiale Amici dell?Infanzia) della quale č il Presidente S.A.R. il Principe Carlo di Borbone, Duca di Castro che, insieme alla Principessa Camilla, era presente alla serata. L?Associazione AMADE ITALIA č una derivazione di AMADE MONDIALE, associazione per la tutela dei diritti dei minori a livello internazionale, che fu fondata da S.A.S. la Principessa Grace di Monaco nel 1963 e che si trova adesso sotto la presidenza di S.A.R. la Principessa Carolina di Hannover;

Hermes- il 50% al restauro della statua di Hermes nel Salone dei Cinquecento, in occasione del 1° Forum Internazionale dei Beni Culturali. La statua č una delle quattro sculture di etā romana collocate nelle nicchie laterali della testata del Salone dei Cinquecento opposta all?Udienza. Le quattro statue, raffiguranti Pothos, Hermes, Apollo e Dioniso, fanno parte dell?ultimo gruppo di sculture antiche che Pietro Leopoldo Asburgo-Lorena fece sistemare nella Galleria degli Uffizi e in altre residenze granducali della cittā. Giunte nel Salone dei Cinquecento presumibilmente tra il penultimo e l?ultimo decennio del XVIII secolo, rappresentano un?importante testimonianza di collezionismo mediceo e gusto lorenese.

Sponsor